Turismo sul lago d’Iseo

By | 13/12/2016

Sono oltre 1,5 milioni le persone che hanno seguito la via di Christo e hanno camminato sulle acque del lago d’Iseo ma il turismo in questo splendido luogo italiano non ha saputo andare oltre l’evento. L’artista bulgaro che ha realizzato l’esclusiva e irripetibile Opera d’arte che ha avuto risonanza mondiale ha consentito certamente agli esercizi commerciali, ristoranti, bar e alberghi una boccata d’ossigeno, un business importante ma limitato al fatto in se, non si è riusciti a dare un respiro più ampio, lungimirante.

Peccato, perché questi luoghi meritano di essere conosciuti, frequentati e il turismo mordi e fuggi, una tantum, serve a poco se non si dà continuità alla cosa. Non si è approfittato dell’occasione della presenza di un così notevole numero di turisti per valorizzare tutte le bellezze naturali e artistiche del luogo per incentivare un ritorno dei turisti e la conseguente ripartenza dell’economia locale. Si è trattato, come detto di un grande evento e se anche solo una percentuale del milione e mezzo di persone che hanno camminato sull’acqua del lago tornassero, la ricchezza della popolazione di questi luoghi ne trarrebbe un bel vantaggio, che si rifletterebbe anche sull’economia nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *